Cerca

Cecilia Metta Traduzioni

traduzioni letterarie, tecniche, siti web, brochure

Data

5 agosto 2016

Intervista con Conrad Jones

1 –  What do you do when you don’t write?

When I am not writing, I like to walk on the beaches where I live or climb in the mountains nearby. I love to travel abroad and visit new places.

2 –  How your writing career started?

I was an eyewitness to a terrorist bomb in 1993. It made me want to read more and write. Although it was years later, the bomb was the catalyst.

3 – What was your first book?

Soft Target, 2008

4 –  What are the books that you have written?

The Detective Alec Ramsay Series
The Child Taker 
Slow Burn 
Criminally Insane 
Frozen Betrayal 
Desolate Sands 
Concrete Evidence 
Three 
The Soft Target Series
Soft Target 
Soft Target II ‘Tank’
Soft Target III ‘Jerusalem’
Soft Target 4 ; The 18th Brigade 
Soft Target 5 ; Blister 

The Hunting Angels Diaries

(The number 1 horror download in 4 countries)
A Child for the Devil 
Black Angel 
Compilations
The Book of Abominations
Unleashed
Blood Bath (Stephen Leather fan fiction)
NON FICTION
HOW TO WRITE A NOVEL IN 90 DAYS

5 – Where do you get inspiration for your novels?

Usually from the news. I see a crime on television and it begins to grow in my mind. Soon it becomes the basis of a novel.

6 – Of all your novels which you love more?Why?

It Is always the latest one that is my favourite!

7 – Do you read? What kind of novels?

I like crime thrillers and non-fiction books about drug gangs and cartels. I used to like horror when I was younger but there isn’t much good stuff around nowadays.

8 – How would you describe your style? Which authors are close to your style?

Lee Child, James Herbert, very gritty stories.

9 –  What are your future plans?

I will keep writing 2 books a year until the ideas run out!

10 – What would you say to your Italian readers?

I would say how much I love your country. I have visited over a dozen times and love the culture, history, wine, food and the people. Thank you for reading my books!

TRADUZIONE IN ITALIANO

1 –  Di cosa ti occupi quando non scrivi?

Quando non scrivo, mi piace camminare sulla spiaggia dove vivo o scalare le montagne qua vicino. Mi piace viaggiare all’estero e visitare nuovi posti.

2 –  Come è iniziata la tua carriera di scrittore?

Nel 1993 sono stato testimone oculare di un attentato dinamitardo da parte di terroristi. Tutto ciò ha fatto nascere in me la voglia di leggere di più e di scrivere. Anche se anni dopo, la bomba è stato lo stimolo.

3 – Quale è stato il tuo primo libro?

Soft Target nel 2008

4 –  Quali altri libri hai scritto?

La serie del Detective Alec Ramsay

 

The Child Taker (L’Acchiappabambini)

Slow Burn

Criminally Insane

Frozen Betrayal

Desolate Sands

Concrete Evidence

Three

 

The Soft Target Series

 

Soft Target

Soft Target II ‘Tank’

Soft Target III ‘Jerusalem’

Soft Target 4 ; The 18th Brigade

Soft Target 5 ; Blister

 

 

The Hunting Angels Diaries

(Il libro che in 4 paesi ha raggiunto la prima posizione tra i libri scaricati di argomento horror)

A Child for the Devil

Black Angel

Compilations

The Book of Abominations

Unleashed

Blood Bath (Stephen Leather fan fiction)

NON FICTION

HOW TO WRITE A NOVEL IN 90 DAYS

5 – Da dove trai spunto per i tuoi romanzi?

Di solito dalle notizie. Vedo un crimine alla televisione e l’idea inizia a germogliare nella mia mente. E presto diventa la base di un romanzo.

6 – Tra tutti i tuoi romanzi quale ami di più? E perché?

Il mio preferito è sempre l’ultimo!

7 – Leggi? Che genere di romanzi?

Mi piacciono i thriller criminali e i saggi su bande e cartelli di narcotrafficanti. Quando ero giovane mi piaceva il genere horror ma, al momento, non trovo molti romanzi buoni di questo genere.

8 – Come descriveresti il tuo stile? Quali autori si avvicinano al tuo stile?

Lee Child, James Herbert, storie molto realistiche.

9 –  Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Continuerò a scrivere 2 romanzi l’anno, fino a quando avrò l’ispirazione!

10 – Cosa vorresti dire ai tuoi lettori italiani?

Vorrei dire che amo molto il loro paese. L’ho visitato dozzine di volte e ne amo la cultura, la storia, il vino, il cibo e la gente. Vi ringrazio per aver letto i miei libri!

 

Intervista con Katrina Kahler

1 –  What do you do when you don’t write?

Spend time with my family, go to the beach, read books.

2 –  How your writing career started?

When I began writing blog posts for my first website.

3 – What was your first book?

Diary of a Horse Mad Girl – Book 1: My First Pony

4 –  What are the books that you have written?

Diary of a Horse Mad Girl series

Julia Jones’ Diary series

Julia Jones – The Teenage Years series

Mind Reader series

The Secret series

Diary of a Boy Who is Obsessed with Motorcycles

My Dragon is Scared

Bedtime Stories

Dex the Dog – Learn to Read series

A series of positive parenting books

5 – Where do you get inspiration for your novels?

From my own children and their friends as well as the children who I teach

6 – Of all your novels which do you love more? Why?

Julia Jones’ Diary because this series helps young girls to have a positive mindset and learn to create their dreams.

7 – Do you read? What kind of novels?

Yes, historical fiction and thrillers

8 – How would you describe your style? Which authors are close to your style?

I think I have an individual style that caters for young readers and my stories include plots that they can relate to.

9 –  What are your future plans?

To be a full-time writer and travel the world with my husband

10 – What would you say to your Italian readers?

I hope that you enjoy my books and find them inspiring as well as entertaining.

 

TRADUZIONE IN ITALIANO

1 –  Di cosa ti occupi quando non scrivi?

Trascorro del tempo con la mia famiglia, vado in spiaggia, leggo libri.

2 –  Come è iniziata la tua carriera di scrittrice?

Quando ho iniziato a scrivere i post del blog per il mio primo sito web.

3 – Quale è stato il tuo primo libro?

Diary of a Horse Mad Girl – Book 1: My First Pony

4 –  Quali altri libri hai scritto?

Diary of a Horse Mad Girl series

Julia Jones’ Diary series

Julia Jones – The Teenage Years series

Mind Reader series

The Secret series

Diary of a Boy Who is Obsessed with Motorcycles

My Dragon is Scared

Bedtime Stories

Dex the Dog – Learn to Read series

Una serie di libri positivi per i genitori

5 – Da dove trai spunto per i tuoi romanzi?

Dai miei figli e dai loro amici così come dai bambini a cui insegno

6 – Tra tutti i tuoi romanzi quale ami di più? E perché?

Il diario di Julia Jones; questa serie aiuta le ragazze ad avere un atteggiamento positivo e a realizzare i propri sogni.

7 – Leggi? Che genere di romanzi?

Sì, romanzi storici e thriller

8 – Come descriveresti il tuo stile? Quali autori si avvicinano al tuo stile?

Penso di avere uno stile personale che si rivolge ai giovani lettori e le mie storie includono eventi con cui si immedesimano.

9 –  Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Essere una scrittrice a tempo pieno e viaggiare per il mondo con mio marito

10 – Cosa vorresti dire ai tuoi lettori italiani?

Spero che vi piacciano i miei libri e che per voi siano fonte d’ispirazione e di divertimento.

 

Intervista con David Pardo

1 – ¿Qué haces cuando no escribes?

Cuando no escribo suelo pasar tiempo con mi famila. También leo, aunque menos de lo que me gustaría, me encantan las series y el cine, jugar a los videojuegos, y gestionar el negocio que a final de mes paga las facturas. Cuando cae la noche, hablo con los monstruos y me convierto en un asesino despiadado que oculta cadáveres en el sotano… pero este es otro tema.

2- ¿Cómo comenzó tu carrera de escritor?

Empecé publicando Pueblo de Sombras en un blog y en Wattpad, una red social para lectores. Pueblo de Sombras es una novela de terror comercial, más inclinada hacia el suspense y con un estilo que podriamos encasillar en la influencia de Stephen King. Tuvo una buena aceptación, y tras varios rechazos y un intento fallido de publicarla con una editorial, finalmente me eché atrás, o a delante, según se aprecie, y me incliné por la autoedición

3 – ¿Cuál fue tu primer libro?

Pueblo de Sombras. Una novela que nació como una trilogía pero de la que sólo he escrito el primer tomo. Prometo que algún día abandonará la sordidez que me envuelve ahora, y me pondré con la continuación.

4 – ¿Cuáles son las obras que has escrito?

Pueblo de Sombras I (La chica del lago), DEGENERACIÓN, e INFECTUM.

5 – ¿De dónde sacas la inspiración para tus novelas?

No tengo un pozo en el jardín en el que meter la cabeza en busca de inspiración, así que aprovecho cuando la bombillita se enciende en mi cabeza. La mayoría de veces son ideas, flashes, que después toca plantear y desarrollar. Otras veces no son más que despropósitos que no llevan a ningún lugar, aunque estos son los más divertidos.

6 – ¿De todas sus novelas, que es lo que te gusta más? ¿Por qué?

Creo que el salto cualitativo que se puede apreciar entre ellas. Y en ese aspecto sigo trabajando. Cada publicación considero que es más madura que la anterior, y esa es la línea que intento seguir.

7 – ¿Lees? ¿Qué tipo de novelas?

Leo terror. Sólo terror. Clásico o contemporáneo. Pero siempre terror. Lleva siendo así desde hace más de veinticinco años, y espero no cambiar nunca porque es un género que adoro y me apasiona.

8 – ¿Cómo describirías tu estilo? ¿Cuáles son los autores que acercan a tu estilo?

Mi estilo es directo y agresivo, y no busca la complacencia del lector, sino despertar sus instintos más oscuros a base de golpes para que disfrute con su lado más sórdido, ese lado que el ser humano se preocupa por ocultar siempre ante los demás, pero que está ahí y sólo mostramos en momentos de soledad. Y qué mejor momento de soledad que cuando leemos un libro.

En cuanto a los autores que se acercan a mi estilo, creo que no soy el más indicado para hablar de ello. En ese sentido, opto porque sean los lectores quienes opinen.

 

9 – ¿Cuáles son tus planes para el futuro?

No pienso en el futuro, y menos cuando hablo de literatura. Hubo un tiempo en el que lo hice y puedo asegurar que no es bueno. Sueño, como todo el mundo, pero me gusta tener los pies en el suelo y tomarme esto de la literatura como un juego divertido. Si el futuro me tiene algo bueno preparado, ya se verá. Y si es algo malo, lucharé contra ello con todas mis fuerzas para revertir la situación.

10 – ¿Qué le dirías a los lectores italianos?

A los lectores italianos les pediría una oportunidad: que lean mis novelas. Adoro Italia y respeto mucho a los creadores italianos por todo lo que han dado -y siguen dando- al género de terror, sobre todo en el campo audiovisual. Los Argento, Fulci, y su visión de un terror que combina el suspense con lo macabro y lo sobrenatural, pasando por Ruggero Deodato y su Holocauto Canibal, padre del género que hoy conocemos como mockumentary o falso documental.  Sin el apoyo de los Argento, quizá George Romero nunca nos hubiera regalado al zombie moderno y todo el subgénero Z que llegó después y que tanto nos hace disfrutar. Italia es una de las principales cunas del terror a nivel mundial, y a mí personalmente me hace mucha ilusión que los lectores italianos puede acceder a dos de mis obras. Esto se lo debo y agradezco a partes iguales a Cacilia Metta, mi traductora para el mercado italiano. Sólo espero que los lectores nos den una oportunidad, y disfruten de nuestro trabajo durante muchos años, porque tenemos mucho bueno y sórdido que contar.

Un fuerte abrazo para Italia.

TRADUZIONE IN ITALIANO

1 – Di cosa ti occupi quando non scrivi?

Quando non scrivo passo del tempo con la mia famiglia. Qualche volta leggo, anche se meno di quanto vorrei, amo le serie TV e il cinema, giocare con i videogiochi e gestire l’azienda che a fine mese paga le bollette. Quando scende la notte, parlo con i mostri e mi trasformo in un assassino spietato che occulta cadaveri in cantina… ma questa è un’altra questione.

2- Come è iniziata la tua carriera di scrittore?

Ho iniziato con la pubblicazione di Pueblo de Sombras su un blog e su Wattpad, un social network per lettori. Pueblo de Sombras è un romanzo del terrore commerciale, più incline verso il thriller e con uno stile che potremmo classificare influenzato da Stephen King. Ha avuto una buona accoglienza, e dopo alcuni rifiuti e un tentativo fallito di pubblicarlo con una casa editrice, ho fatto un passo indietro, o forse in avanti, come si preferisce, e mi sono diretto verso la pubblicazione indipendente.

3 – Quale è stato il tuo primo libro?

Pueblo de Sombras. Un romanzo che è nato come una trilogia ma ho scritto solo il primo volume. Prometto che un giorno abbandonerò la pigrizia che mi avvolge ora e lo finirò.

4 – Quali altri libri hai scritto?

Pueblo de Sombras I (La chica del lago), DEGENERACIÓN (DEGENERAZIONE) e INFECTUM.

5 – Da dove trai spunto per i tuoi romanzi?

Non ho un pozzo in giardino dove affondare la testa per cercare ispirazione, così ne approfitto quando si accende una lampadina nella mia testa. La maggior parte delle volte sono idee, flash che poi devo seminare e sviluppare. Altre volte sono solo assurdità che non portano da nessuna parte ma queste sono le più divertenti.

6 – Tra tutti i tuoi romanzi quale ami di più? E perché?

Credo che tra di loro si può verificare un salto qualitativo. E continuo a lavorare in questa direzione. Credo che ogni pubblicazione sia più matura della precedente ed è questa linea che voglio seguire.

7 – Leggi? Che genere di romanzi?

Leggo horror. Solo horror. Classico o contemporaneo. Però sempre horror. Lo faccio da oltre venticinque anni e spero di non cambiare mai perché è un genere che adoro e che mi appassiona.

8 – Come descriveresti il tuo stile? Quali autori si avvicinano al tuo stile?

Il mio stile è diretto e aggressivo e non cerca la compiacenza del lettore, ma risvegliare i suoi istinti più oscuri a colpi affinché goda del suo lato più sordido, quel lato che l’essere umano si preoccupa di nascondere sempre davanti agli altri che però è sempre presente e che mostriamo solamente nei momenti di solitudine. E quale miglior momento di solitudine se non quando si legge un libro!

Per quanto riguarda gli autori che si avvicinano al mio stile, credo che io non sia la persona più adatta per parlare di ciò. In questo senso, scelgo che siano i lettori a esprimere il loro parere.

 

9 – Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Non penso al futuro, soprattutto quando si parla di letteratura. C’è stato un tempo in cui l’ho fatto e posso affermare che non è una cosa buona. Sogno, come le altre persone, però mi piace tenere i piedi per terra e prendere la letteratura come un gioco divertente. Se il futuro mi riserva qualcosa di buono, si vedrà. E se, al contrario, mi riserva qualcosa di brutto allora lotterò contro di ciò con tutte le mie forze per cambiare la situazione.

10 – Cosa vorresti dire ai tuoi lettori italiani?

Ai lettori italiani chiedo un’opportunità: leggete i miei romanzi. Adoro l’Italia e rispetto molto i creatori italiani per tutto quello che hanno dato – e continuano a dare – al genere horror, soprattutto nel settore cinematografico. Argento, Fulci e la sua visione dell’horror che unisce la suspence con il macabro e il soprannaturale, passando per Ruggero Deodato e il suo Cannibal Holocaust, padre del genere che oggi conosciamo come mockumentary o falso documentario. Senza l’appoggio di autori come Dario Argento, forse George Romero non ci avrebbe mai regalato lo zombie moderno e tutto il sottogenere Z che è arrivato dopo e che ci piace tanto. L’Italia è una delle principali culle dell’horror a livello mondiale e io personalmente  sono molto eccitato al pensiero che i lettori italiani possano accedere a due delle mie opere (DEGENERAZIONE e la trilogia di INFECTUM). Questo lo devo a Cecilia Metta e la ringrazio, la mia traduttrice per il mercato italiano. Spero solo che i lettori ci diano un’opportunità e amino il nostro lavoro per molti anni, perché abbiamo ancora molte cose belle e sordide da raccontare.

Un forte abbraccio all’Italia.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: